top
 
L'organizzazione degli Uffici
della Direzione Generale
La mappa degli uffici
L'Ufficio per il supporto dell'autonomia scolastica
Il Coordinamento Educazione Fisica
L'Ufficio Relazioni con il Pubblico
 

Amministrazione Trasparente

 
Le Scuole
della regione
 

 
Il calendario scolastico
del 2022-23
spacer
 
spacer

fascia
 
Sportello scuola non statale sportello scuola non statale spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
Sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

SCUOLA IN OSPEDALE ISTRUZIONE DOMICILIARE

spacer
 

spacer
 

EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ
EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ

spacer
 

fascia
spacer

fascia
 
Convegni e seminari convegni e seminari spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento
Alternanza Scuola Lavoro

spacer
 

spacer
 

La buona scuola nelle Marche

spacer
 


fascia
 
Siti di interesse siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

Comunicati Stampa

Scuola. Caso IIS “Savoia-Benincasa”. Le iscrizioni degli alunni devono essere accettate da ciascuna scuola nel limite dei posti disponibili programmati nell’ottobre scorso dagli stessi istituti sulla base delle risorse di edilizia scolastica e d’organico disponibili

(Ancona, 22 marzo 2021) Gli standard previsti dalla normativa vigente non contemplano la possibilità di formare classi con 32 alunni. Inoltre il numero delle classi di ogni istituzione scolastica è programmato con l’obbligatoria approvazione del piano dell’offerta formativa (PTOF) da parte di ogni scuola entro il 31 ottobre dell’anno solare precedente all’avvio del nuovo anno scolastico. Programmazione effettuata sulla base delle risorse di edilizia scolastica e d’organico disponibili e in coerenza con la rete scolastica approvata dalla Regione.

Né la programmazione di ogni singola istituzione scolastica può peraltro rispondere a logiche di “mercato” volte ad accaparrarsi il maggior numero di iscritti, ma alla necessità di assicurare a tutti gli alunni un utile inserimento nel sistema socioeconomico marchigiano previa sua corretta lettura, compatibilmente con la specifica vocazione di ciascuno e con le risorse disponibili, assicurate dal sistema finanziario approvato dallo Stato.

Risponde così l’Ufficio scolastico regionale alle polemiche e ai timori che si rinnovano, ormai ogni anno, rispetto alla presunta istituzione delle cosiddette “classi pollaio”.

Nello specifico di quanto riportato in più occasioni sulla stampa sul caso dell’IIS “Savoia-Benincasa” di Ancona, è stato programmato lo scorso ottobre per il prossimo anno scolastico, da parte del Consiglio d’istituto della medesima scuola, un numero di classi prime pari a quelle attivate nell’anno in corso. Previsione che consente l’accoglienza di un uguale numero di classi prime.

Le iscrizioni degli alunni devono quindi essere accettate da ciascuna scuola nel limite dei posti disponibili programmati, dati dal numero di alunni che possono essere accolti per ogni classe per il numero delle classi programmate tenendo conto della disponibilità di edilizia scolastica.

In vista dell’eventualità della ricezione di un numero maggiore di preiscrizioni rispetto alla disponibilità di posti definiti dalla programmazione dell’offerta formativa, le scuole devono procedere, prima dell’apertura delle iscrizioni, alla definizione e pubblicizzazione dei criteri di precedenza nell'ammissione. Per questa ragione nella domanda di iscrizione lo studente e le famiglie indicano una seconda e terza opzione, in base alle quali gli eventuali iscritti eccedenti vanno riorientati , nell’ambito dell’offerta dello stesso Istituto o in altri istituti del territorio dello stesso ordine e tipo secondo le opzioni espresse dalle famiglie.

La pubblicazione del PTOF sul sito istituzionale della scuola è quindi proprio finalizzata a consentire ad alunni e famiglie di presentare le proprie domande di iscrizione con la consapevolezza della disponibilità offerta dalla programmazione scolastica regionale.

Non risultano peraltro allo stato attuale elementi che possano far ritenere l’organico docente reso disponibile per il prossimo anno scolastico per le Marche insufficiente a costituire le classi secondo gli standard definiti dalla legge. Nel caso in cui, come avvenuto lo scorso settembre, si renda necessario prevedere, in ragione del protrarsi del contingente momento emergenziale, un maggior distanziamento tra gli alunni tale da rendere insufficiente la superficie dell’aula sede della classe, si provvederà, come nell’anno in corso, allo sdoppiamento della stessa in due gruppi classe con l’assegnazione di ulteriore personale temporaneo da parte dell’Ufficio scolastico regionale, nel limite delle ulteriori risorse finanziarie eventualmente rese disponibili dallo Stato. Salvo intervengano nuove, diverse disposizioni normative che eventualmente prevedano diversi standard riguardo la numerosità degli alunni per classe.

 
Archivio Comunicati
































Anno 2007


Anno 2006


Anno 2005


Anno 2004


Anno 2003


Anno 2002


 




Istruzione.it
© 2000-2010 Ministero della Pubblica Istruzione - privacy