top
 
L'organizzazione degli Uffici
della Direzione Generale
La mappa degli uffici
L'Ufficio per il supporto dell'autonomia scolastica
Il Coordinamento Educazione Fisica
L'Ufficio Relazioni con il Pubblico
 

Amministrazione Trasparente

 
Le Scuole
della regione
 

 
Il calendario scolastico
del 2022-23
spacer
 
spacer

fascia
 
Sportello scuola non statale sportello scuola non statale spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
Sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

SCUOLA IN OSPEDALE ISTRUZIONE DOMICILIARE

spacer
 

spacer
 

EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ
EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ

spacer
 

fascia
spacer

fascia
 
Convegni e seminari convegni e seminari spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento
Alternanza Scuola Lavoro

spacer
 

spacer
 

La buona scuola nelle Marche

spacer
 


fascia
 
Siti di interesse siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

Comunicati Stampa

Precisazione dell’Ufficio scolastico regionale per le Marche in relazione all’articolo “Pulizia e cambio dei bambini non sono compiti della scuola” pubblicato in data 21 ottobre scorso nelle pagine dell’edizione di Macerata (pag. 11)

(Ancona, 23 ottobre 2020) Arriva la precisazione dell’Ufficio scolastico regionale per le Marche riguardo la circolare dell’Istituto Comprensivo “Lanzi” di Corridonia con cui si comunicava ai genitori dei bambini della scuola dell’infanzia “che la pulizia e il cambio degli alunni non portatori di handicap non è compito pertinente né dei docenti né dei collaboratori scolastici”.

“Non si ritiene corretta tale conclusione – si legge in una nota dell’USR diretta alla scuola - poiché la declaratoria delle mansioni del personale appartenete all’area A (collaboratori scolastici), acclusa al CCNL 29.11.2007, reca espressamente, per tale personale, il compito di prestare «ausilio materiale agli alunni portatori di handicap nell'accesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche, all’interno e nell'uscita da esse, nonché nell’uso dei servizi igienici e nella cura dell’igiene personale». La circostanza che i collaboratori scolastici debbano prestare ausilio nell’uso dei servizi igienici agli alunni portatori di handicap – prosegue la nota - induce a concludere che a fortiori essi debbano provvedervi per gli alunni normodotati”.

 
Archivio Comunicati


































Anno 2007


Anno 2006


Anno 2005


Anno 2004


Anno 2003


Anno 2002


 




Istruzione.it
© 2000-2010 Ministero della Pubblica Istruzione - privacy