top
 
L'organizzazione degli Uffici
della Direzione Generale
La mappa degli uffici
L'Ufficio per il supporto dell'autonomia scolastica
Il Coordinamento Educazione Fisica
L'Ufficio Relazioni con il Pubblico
 

Amministrazione Trasparente

 
Le Scuole
della regione
 

 
Il calendario scolastico
del 2022-23
spacer
 
spacer

fascia
 
Sportello scuola non statale sportello scuola non statale spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
Sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

SCUOLA IN OSPEDALE ISTRUZIONE DOMICILIARE

spacer
 

spacer
 

EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ
EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ

spacer
 

fascia
spacer

fascia
 
Convegni e seminari convegni e seminari spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento
Alternanza Scuola Lavoro

spacer
 

spacer
 

La buona scuola nelle Marche

spacer
 


fascia
 
Siti di interesse siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

Comunicati Stampa

Replica all’articolo “Un assegno per i bimbi della nostra scuola” pubblicato nell’edizione di Macerata de “Il Resto del Carlino” del 22 novembre 2021

(Ancona, 24 novembre 2021) In merito alla previsione di organico riguardante la scuola primaria di Pieve Torina e alle affermazioni del sindaco Armando Gentilucci riportate da “Il Resto del Carlino”, l’Ufficio scolastico regionale precisa che il numero dei bambini iscritti al plesso per l’anno scolastico 2021/22 (9 in prima, 5 in seconda, 5 in terza, 5 in quarta e 6 in quinta) non consente, in base ai parametri di legge, la costituzione di cinque classi autonome neanche in considerazione della deroga per le aree montane, che prevede un numero minimo di alunni di 10 per classe.

L’attuale numero di iscritti sui cinque anni di corso rende invece possibile la costituzione di due pluriclassi, con alunni di anni di corso diversi (una composta dagli allievi di prima e seconda, l’altra da quelli delle ultime tre annualità) nel rispetto del numero massimo previsto dalle norme, pari a diciotto.

Non si è quindi “contravvenuto a quella che è la normativa nazionale vigente”, ma si sono semplicemente applicate le norme stabilite in materia dai competenti organi politici che hanno come obiettivo la migliore qualità possibile del servizio scolastico. La formazione di classi e plessi scolastici con indici di funzionalità didattica di gran lunga inferiori agli standard non assicura infatti quell’efficace azione didattica a cui hanno diritto tutti gli studenti e le rispettive famiglie.

Per invertire il fenomeno del calo degli alunni nei piccoli centri dell’entroterra non è peraltro sufficiente la previsione di un numero di alunni per classe sempre più ridotto, ma sono necessari ulteriori interventi preventivi e iniziative programmatiche in capo alle amministrazioni competenti, non esclusa, ovviamente, quella comunale. L’attivazione delle pluriclassi in ogni caso non pregiudica la possibilità di un rientro della popolazione o di un incremento del numero degli alunni, al prospettarsi del quale, come unanimemente auspicato, si garantisce la formazione di nuove classi.

 
Archivio Comunicati
































Anno 2007


Anno 2006


Anno 2005


Anno 2004


Anno 2003


Anno 2002


 




Istruzione.it
© 2000-2010 Ministero della Pubblica Istruzione - privacy