top
 
L'organizzazione degli Uffici
della Direzione Generale
La mappa degli uffici
L'Ufficio per il supporto dell'autonomia scolastica
Il Coordinamento Educazione Fisica
L'Ufficio Relazioni con il Pubblico
 

Amministrazione Trasparente

 
Le Scuole
della regione
 

 
Il calendario scolastico
per il triennio
2019-2022
spacer
 
spacer

fascia
 
Sportello scuola non statale sportello scuola non statale spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
Sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

SCUOLA IN OSPEDALE ISTRUZIONE DOMICILIARE

spacer
 

spacer
 

EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ
EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ

spacer
 

fascia
spacer

fascia
 
Convegni e seminari convegni e seminari spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento
Alternanza Scuola Lavoro

spacer
 

spacer
 

La buona scuola nelle Marche

spacer
 


fascia
 
Siti di interesse siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

Comunicati Stampa

Replica all’articolo “Ok a due classi prime alle medie. «No alle elementari, faremo ricorso»” pubblicato nell’edizione di Macerata de “Il Resto del Carlino” del 13 aprile 2022 (pag. 12)

(Ancona, 15 aprile 2022) Alle polemiche sollevate dal sindaco di Montelupone sulla mancata attivazione della classe prima del locale plesso di scuola primaria l’ufficio scolastico regionale precisa che secondo la normativa vigente (DPR 81/2009) le classi della scuola primaria si formano con un numero minimo di alunni pari a 15 e un massimo di 26. Con 25 alunni è possibile autorizzare una sola classe prima secondo i dettami della norma così come approvata dai competenti organi politici.

D’altronde dai dati delle iscrizioni risulta ormai da tempo il costante calo della popolazione scolastica nella fascia di età corrispondente al primo ciclo di istruzione, soprattutto nei piccoli centri dell’entroterra.

Per invertire il fenomeno non è peraltro sufficiente la previsione di un numero di alunni per classe sempre più ridotto o di moltiplicare le classi, ma sono necessari ulteriori interventi preventivi e iniziative programmatiche in capo alle amministrazioni competenti, non esclusa, ovviamente, quella comunale.

La conseguente previsione di organico in ogni caso non pregiudica la possibilità di un rientro della popolazione o di un incremento del numero degli alunni, al prospettarsi del quale, come unanimemente auspicato, si potrà procedere alla formazione di classi nuove o con un numero di alunni minore.

 
Archivio Comunicati
































Anno 2007


Anno 2006


Anno 2005


Anno 2004


Anno 2003


Anno 2002


 




Istruzione.it
© 2000-2010 Ministero della Pubblica Istruzione - privacy