top
 
L'organizzazione degli Uffici
della Direzione Generale
La mappa degli uffici
L'Ufficio per il supporto dell'autonomia scolastica
Il Coordinamento Educazione Fisica
L'Ufficio Relazioni con il Pubblico
 

Amministrazione Trasparente

 
Le Scuole
della regione
 

 
Il calendario scolastico
per il triennio
2019-2022
spacer
 
spacer

fascia
 
Sportello scuola non statale sportello scuola non statale spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
Sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

SCUOLA IN OSPEDALE ISTRUZIONE DOMICILIARE

spacer
 

spacer
 

EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ
EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ

spacer
 

fascia
spacer

fascia
 
Convegni e seminari convegni e seminari spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento
Alternanza Scuola Lavoro

spacer
 

spacer
 

La buona scuola nelle Marche

spacer
 


fascia
 
Siti di interesse siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

Comunicati Stampa

Replica all’articolo “Pasticcio sui prof guariti ma non vaccinati. «Rischiamo di non poter lavorare in classe», pubblicato nell’edizione di Macerata de “Il Resto del Carlino” del 5 maggio (pag. 5)

(Ancona, 7 maggio 2022) Non si fa attendere la replica dell’Ufficio scolastico regionale a quanto riportato in un recente articolo in merito alla presunta arbitraria riduzione dei termini per il differimento dell’obbligo vaccinale per il personale scolastico guarito dopo aver contratto il virus senza mai aver assunto una dose di vaccino o dopo aver assunto le prime dosi.

Dall’USR Marche si precisa, infatti, che la disposizione non discende da un’interpretazione errata dell’ufficio stesso “di alcuni documenti del Ministero della Sanità”, ma dalle previsioni normative contenute nel decreto legge n. 44/2021. Infatti, se è vero che all’articolo 4 il decreto parla specificamente del personale sanitario, così come una recente circolare del Ministero della Sanità, il successivo articolo 4 ter.2 del medesimo decreto applica la stessa norma al personale scolastico: “Dal 15 dicembre 2021 al 15 giugno 2022, l'obbligo vaccinale per la prevenzione dell'infezione da SARS-CoV-2 […] da adempiersi, per la somministrazione della dose di richiamo, entro i termini di validità delle certificazioni verdi COVID-19 […] si applica anche al personale docente ed educativo del sistema nazionale di istruzione, delle scuole non paritarie, dei servizi educativi per l'infanzia […] dei centri provinciali per l'istruzione degli adulti, dei sistemi regionali di istruzione e formazione professionale e dei sistemi regionali che realizzano i percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore. La vaccinazione costituisce requisito essenziale per lo svolgimento delle attività didattiche a contatto con gli alunni da parte dei soggetti obbligati”.

La piattaforma digitale ministeriale di verifica dell’obbligo vaccinale per il personale scolastico restituisce quotidianamente ai dirigenti scolastici, tenuti a verificare, l’esito del controllo circa il rispetto o meno della norma, considerando anche i termini per il differimento dell’obbligo vaccinale dopo aver contratto il virus.

Il personale che non risulta in regola non può svolgere attività didattica a contatto con gli alunni al fine di tutelare la sicurezza degli stessi, fermo restando che può comunque continuare a prestare la propria attività con le modalità rimesse all’autonomia della scuola anche al fine di favorire la continuità didattica.

 
Archivio Comunicati
































Anno 2007


Anno 2006


Anno 2005


Anno 2004


Anno 2003


Anno 2002


 




Istruzione.it
© 2000-2010 Ministero della Pubblica Istruzione - privacy