top
 
L'organizzazione degli Uffici
della Direzione Generale
La mappa degli uffici
L'Ufficio per il supporto dell'autonomia scolastica
Il Coordinamento Educazione Fisica
L'Ufficio Relazioni con il Pubblico
 

Amministrazione Trasparente

 
Le Scuole
della regione
 

 
Il calendario scolastico
del 2022-23
spacer
 
spacer

fascia
 
Sportello scuola non statale sportello scuola non statale spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
Sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

SCUOLA IN OSPEDALE ISTRUZIONE DOMICILIARE

spacer
 

spacer
 

EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ
EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ

spacer
 

fascia
spacer

fascia
 
Convegni e seminari convegni e seminari spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento
Alternanza Scuola Lavoro

spacer
 

spacer
 

La buona scuola nelle Marche

spacer
 


fascia
 
Siti di interesse siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

 
 Novità

Scuola e tutela dei minori nelluso dei nuovi strumenti di comunicazione elettronica: siglato un protocollo dintesa tra USR Marche, CO.RE.COM e Polizia delle Comunicazioni

Far crescere i ragazzi come fruitori consapevoli, critici e non passivi dei nuovi mezzi elettronici di comunicazione, aiutare i genitori a diminuire il divario di competenze con i propri figli fornendo loro adeguati strumenti giuridici, tecnologici e psico pedagogici.
Con questo obiettivo l'Ufficio Scolastico Regionale, il Comitato Regionale per le Comunicazioni e il Compartimento regionale della Polizia delle Comunicazioni hanno firmato oggi un protocollo d'intesa finalizzato alla condivisione delle azioni da proporre alle scuole marchigiane, nell'ambito dei progetti per la tutela dei minori, nel settore dei nuovi strumenti di comunicazione elettronica.
L'iniziativa, la prima del genere in Italia, che vede la collaborazione, su questo tema, del mondo della scuola e degli organismi di garanzia, tutela e prevenzione del settore delle telecomunicazioni, ha come scopo principale quello di coinvolgere le componenti scolastiche in incontri formativi e di aggiornamento che mettano in contatto i mondi della ricerca, della scuola e della famiglia in modo da contribuire all'accrescimento nei ragazzi, nei genitori e negli insegnanti delle competenze e della capacità di usare in modo critico, consapevole e selettivo i nuovi media e sostenere una nuova opportunità educativa per gli studenti coinvolti.
Più in particolare, considerato il ruolo crescente dei media nel processo di educazione e formazione di bambini e ragazzi (i quali impegnano quotidianamente molte, forse troppe ore nella fruizione di tv, internet, radio, videofonini, videogiochi, podcast ecc., a fronte di una qualità dell'offerta troppo spesso non qualificata e comunque non educativa) si intende promuovere la crescita dei ragazzi come fruitori consapevoli, critici e non passivi dei nuovi mezzi elettronici di comunicazione e aiutare i genitori a diminuire il divario di competenze con i propri figli fornendo loro adeguati strumenti giuridici, tecnologici e psico pedagogici.
L'auspicio è che il mondo della scuola si apra sempre più a questo universo, non solo per conoscere e sfruttare al meglio il potenziale tecnologico e informativo dei nuovi media, ma soprattutto per trasmettere agli studenti le competenze necessarie per un utilizzo individuale quanto più possibile critico, efficace e consapevole.
Il protocollo si inserisce a pieno titolo nella già vasta rete di collaborazioni interistituzionali messe in atto sul territorio n ell'ambito del più ampio progetto Le Marche: una regione laboratorio .

Il testo del protocollo d'intesa

 
 
Archivio novità


Anno 2018


Anno 2017

Anno 2016


Anno 2015

Anno 2014


Anno 2013


Anno 2012


Anno 2011


Anno 2010


Anno 2009


Anno 2008


Anno 2007

Dicembre
Novembre
Ottobre
Settembre
Agosto
Luglio
Giugno
Maggio
Aprile
Marzo
Febbraio
Gennaio



Anno 2006


Anno 2005


Anno 2004


Anno 2003


Anno 2002


Anno 2001

 




Istruzione.it
© 2000-2010 Ministero della Pubblica Istruzione - privacy