top
 
L'organizzazione degli Uffici
della Direzione Generale
La mappa degli uffici
L'Ufficio per il supporto dell'autonomia scolastica
Il Coordinamento Educazione Fisica
L'Ufficio Relazioni con il Pubblico
 

Amministrazione Trasparente

 
Le Scuole
della regione
 

 
Il calendario scolastico
del 2022-23
spacer
 
spacer

fascia
 
Sportello scuola non statale sportello scuola non statale spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
Sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

fascia
 
siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

SCUOLA IN OSPEDALE ISTRUZIONE DOMICILIARE

spacer
 

spacer
 

EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ
EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILITÀ

spacer
 

fascia
spacer

fascia
 
Convegni e seminari convegni e seminari spacer
spacer
 
spacer

spacer
 

Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento
Alternanza Scuola Lavoro

spacer
 

spacer
 

La buona scuola nelle Marche

spacer
 


fascia
 
Siti di interesse siti di interesse spacer
spacer
 
spacer

 
 News

Prossimo alla firma il protocollo d'intesa tra Ufficio Scolastico Regionale e Regione Marche su istruzione, formazione professionale e alternanza scuola-lavoro

La legge di riforma degli ordinamenti scolastici, superando il concetto di "obbligo scolastico", afferma, com' noto, il principio del diritto-dovere alla formazione fino al diciottesimo anno di et, da assolvere, per quanto riguarda la formazione superiore, attraverso i sistemi di istruzione e di formazione professionale e l'alternanza scuola-lavoro.
In attesa dei relativi decreti legislativi di applicazione, stato definito fra i Ministeri dell'Istruzione, del Lavoro e delle Politiche Sociali, le Regioni, le Province e le Comunit Montane un accordo quadro per la predisposizione, in via sperimentale, a partire dall'anno scolastico 2003/2004, di un'offerta formativa in grado di soddisfare le esigenze degli alunni e delle famiglie, nel rispetto delle aspettative personali.
L'accordo prevede infatti "percorsi di istruzione e formazione professionale rivolti ai ragazzi che, concluso il primo ciclo di studi, manifestino la volont di accedervi, caratterizzati da curricoli formativi e modelli organizzativi volti a innalzare le competenze di base, a sostenere i processi di scelta dello studente in ingresso, in itinere ed in uscita dai percorsi formativi e la sua conoscenza del mondo del lavoro". L'accordo quadro, che ha gi trovato una traduzione locale nell'accordo tra Ministero dell'Istruzione e Regione Marche sottoscritto il 3 settembre 2003, prevede anche la definizione di un ulteriore protocollo tra la stessa Regione e l'Ufficio Scolastico Regionale per la concreta individuazione degli impegni reciproci.
Quest'ultimo strumento, in fase di elaborazione destinato a fornire un quadro di riferimento per le convenzioni fra istituzioni scolastiche e organismi di formazione professionale accreditati e ha per oggetto la predisposizione di percorsi di integrazione tra istruzione e formazione professionale di carattere triennale, a conclusione dei quali, oltre ai crediti riconoscibili da entrambi i sistemi, i frequentanti potranno conseguire una qualifica professionale immediatamente spendibile nel mondo del lavoro.
I settori di intervento individuati dalla Regione Marche, che si prestano maggiormente alla realizzazione dei percorsi integrati, tenendo conto delle attuali qualifiche, sia statali che regionali, sono:

  • industriale (meccanico, calzaturiero, mobile)

  • turismo (alberghiero/ristorazione)

  • agroalimentare

  • sociale

  • servizi alle imprese

In attesa che si concluda l'elaborazione e venga reso noto il testo dell'intesa, si possono comunque fare alcune anticipazioni.
Innanzitutto, i corsi si svolgono presso le istituzioni scolastiche, che raccolgono le iscrizioni e mettono a disposizione, nel rispetto del regolamento dell'autonomia scolastica, strutture, personale e organizzazione.
La progettazione di dettaglio dei corsi, che utilizza, in particolare, gli spazi di flessibilit curricolare nella misura prevista del 15%, sar curata congiuntamente dalle istituzioni scolastiche e dai Centri di formazione professionale regionale.
Il primo anno dei percorsi sperimentali, inoltre, deve essere prevalentemente contraddistinto da attivit di accoglienza, orientamento e riorientamento, rinforzo e recupero delle competenze, in modo da garantire consapevolezza e approfondimento delle scelte individuali circa i percorsi successivi, sia nel proseguimento nel sistema dell' Istruzione o Formazione Professionale, sia nell'eventuale accesso all'apprendistato.
Nel frattempo l'Ufficio Scolastico Regionale e l'Assessorato all'Istruzione e al Diritto allo Studio della regione Marche stanno monitorando il numero degli alunni quattordicenni che, sia pure iscritti nelle singole scuole, non si presentino alle lezioni e non ne abbiano comunicato la ragione e dei giovani quattordicenni che si siano eventualmente rivolti ai Centri per l'impiego e ai Centri di formazione professionale.


Il testo dell'accordo quadro nazionale
Il testo dell'accordo tra Ministero e Regione Marche
L'elenco delle scuole marchigiane interessate


 
 
Archivio news


Anno 2016


Anno 2015


Anno 2014


Anno 2013


Anno 2012


Anno 2011


Anno 2010


Anno 2009


Anno 2008


Anno 2007


Anno 2006


Anno 2005




Anno 2003


Anno 2002


Anno 2001

 




© 2000-2023 Ministero dell'Istruzione e del Merito - privacy